VISION

Essere la prima realtà ”green” leader nel settore del gioiello-ispirato all’arte e a alla cultura classica – che, tramite le tecniche moderne di vendita on-line e stampa 3D ha la possibilità di produrre e vendere solamente quello che viene richiesto evitando sprechi di materiale e lavorazioni.

MISSION

La riscoperta del valore intrinseco del gioiello in quanto non più modello imposto solo dalla moda e dalla tendenza, ma oggetto prezioso e unico, che affonda le radici e trae nutrimento dall’arte e dalla cultura, sviluppato tramite tecniche moderne di stampa 3D che consentono l’estrazione e la perfezione della forma e del dettaglio.

THE NEW CLASSIC BEAUTY

L’idea della collezione è del designer Mario Montecchi, che si ispira, nel suo quotidiano, alla bellezza delle arti del nostro paese.

Nato nella bellissima città etrusca di Arezzo la sua collezione non poteva riferirsi ad altro che al suo mondo di appartenenza, alla riscoperta di forme e linee antiche e nello stesso tempo moderne.

I gioielli “Timeless”, realizzati interamente con le ultime e più sofisticate tecnologie, permettono di apprezzare ancor di più la perfezione dell’arte e dei disegni di questo antico popolo.

I gioielli “Timeless” nascono con il preciso scopo di portare a nuova vita non solo la pregevolissima arte orafa dei nostri Avi, ma la  loro arte  in tutte le sue espressioni , le loro credenze e la loro cultura.

I gioielli “Timeless” sono pezzi unici che fondono nel loro stile l’arte orafa, quella pittorica, scultorea, realizzati con le nuove tecnologie di progettazione e lavorazione (Rhinoceros e stampa 3D).

COLLEZIONE KAIMEIRA

Comprende le parure:

SELVANS

La seconda parure trae ispirazione da un motivo floreale che ritroviamo nell’arte della lavorazione dell’argilla in cui gli etruschi erano maestri e prende il nome dalla dea della foresta.

TURAN

La Parure Turan prende nome dalla Dea Etrusca Turan, Dea della Bellezza e Dell’amore, con l’uso di temi quali uccelli, pesci, animali mitologici rievoca il rapporto tra simbolismo etrusco e il mondo umano.

NETHUNS

La terza rievoca uno degli elementi a cui gli etruschi, chiamati anche “Tirreni”erano più legati e che vive raffigurato in moltissimi dei loro lasciti scultorei e pittorici: il mare; con il movimento geometricamente perfetto delle onde non poteva che prendere il nome di “Nethuns” dio del Mare.